In cucina usiamo  molto spesso dei fiori

I fiori di zucca ,i carciofi , lo zafferano (che è lo stimma di un fiore) , la camomilla….. ma vi sono molte alte specie di fiori commestibili.

Ma quali sono questi fiori commestibili?

Ecco un elenco che non è certamente esaustivo, ma serve solo a fornire alcune indicazioni e a farvi incuriosire sull’argomento:fiori commestibili 6

  • acacia (robinia): i fiori di acacia si tuffano nella pastella e si friggono;
  • arancio: l’essenza dei fiori di arancio si usa in diversi dolci, come, per esempio, la pastiera napoletana;
  • calendula: ottimo il risotto con i fiori di calendula;
  • giglio cinese (o aghi d’oro): i fiori di giglio cinese sono molto apprezzati nella cucina cinese ma si trovano anche in Italia; hanno un aroma delicato che ricorda il muschio. Generalmente vengono cucinati con i funghi, con le verdure, con il tofu e con la carne, specialmente quella di maiale;
  • lavanda: con i fiori di lavanda si aromatizzano biscotti e torte;
  • nasturzio: è un fiore particolarmente delicato per quel che riguarda la manipolazione e la conservazione; sono da usare solo se freschissimi e, solitamente, si aggiungono alle insalate, cui conferiscono una nota piccante; ricordatevi sempre di metterli nell’insalata solo dopo averla condita, per evitare che il nasturzio assorba la maggior parte dell’olio;
  • rosa: la regina dei fiori si usa per le marmellate, ma sono anche molto buoni i petali pastellati e fritti;
  • sambuco: i fiori di sambuco sono molto apprezzati nei dolci o sotto forma di bibita; in alcune zone d’Italia vengono usati – insieme alla ricotta – come farcia per i ravioli dolci;
  • tarassaco: i fiori di tarassaco ricordano un po’ il sapore dell’ostrica; si aggiungono alle insalate e come boccioli si mettono sott’aceto per poi gustarli alla stregua dei capperi;
  • violetta: ha un gusto delicato e soave; si utilizza sia fresca, che secca o candita; dalle violette si ricava un’essenza con la quale si aromatizzano dolci e liquori.

fiori commestibili

Perché possiate gustarli, vi ricordo che i fiori che sceglierete dovranno essere spontanei, oppure biologici, cioè coltivati senza l’ausilio di pesticidi. Io vi presento dieci fiori edibili, che potrete utilizzare per arricchire le vostre ricette, dolci e salate.Qualunque sia il fiore commestibile che si desidera gustare, ricordatevi sempre di raccoglierlo solo se siete in grado di riconoscerlo alla perfezione; inoltre la raccolta va effettuata in luoghi non inquinati e in quelle coltivazioni in cui non vengono usati antiparassitari; mai e poi mai cibarsi dei fiori acquistati dal fioraio dal momento che potrebbero contenere pesticidi. Tenete presente che i fiori a scopo alimentare si possono conservare in frigorifero al massimo per una settimana.

Quali sono i vostri fiori commestibili preferiti? Conoscete qualche ricetta? Se ne conoscete altri tipidi fiore scrivetelo nei commenti…..

Ecco un’idea in più…..fiori caramellati

Per guarnire dolci o per decorare i vostri piatti potete cristalizzare i fiori commestibili,come?

Utilizzando la seguente tecnica…..

Lasciare i fiori un giorno in un luogo asciutto e fresco. Mettete i steli dei fiori in acqua mentre preparete i materiali: diluite l’albume di un uovo con qualche goccia d’acqua; riempite una piccola ciotola con lo zucchero extra-superfine; coprite una teglia con carta da forno o carta pergamena;procuratevi e un paio di piccole forbici affilate e una pinzetta . Tagliate il gambo del fiore più vicino alla base;  Eliminate le alette verdi sul retro del fiore. fiori canditiEstraete quello che è rimasto del gambo con una pinzetta; utilizzate le dita per ricoprire bene il fiore con l’ albume dell’uovo, sollevando i petali per raggiungere le zone di sovrapposizione. Girate il fiore a faccia in giù sul dorso della mano per lisciare e rimuovere albume in eccesso.  Tenete il fiore a faccia in su e immergetelo nella ciotola di zucchero , cospargetelo di zucchero anche sopra (fatelo rapidamente, ma con generosità). Capovolgetelo immediatamente. fiori cristalizzatiTenetelo fermo con le pinzette e scuotetelo leggermente per eliminare lo zucchero in eccesso. È importante coprire ogni petalo del fiore. Metteteli stesi  su carta o pergamena cerata. Il vassoio dovrà stare in un luogo asciutto per circa otto ore. I fiori cristallizzati si conserveranno fino a un anno: E’sufficiente riporli in un contenitore ermetico con imbottitura morbida. Inserire vari strati di tulle alternando le file di fiori, fino a quando il contenitore sarà pieno. Conservare a temperatura ambiente.

ATTENZIONE! Questi fiori sono rivestiti con albume d’uovo crudo, non devono essere consumati da donne in gravidanza,  neonati,  bambini,  anziani, o chiunque possa compromettere la propria salute….

Immagini [Pinterest]

Posted by:Benedetta B.

Rispondi