Cremoso gelato arricchito da uno sciroppo 100% alla frutta….genuina golosità che sorprenderà i vostri amici a cena! 

 

GELATO ALLA RICOTTA CON FRUTTI DI BOSCO
 
Tempo di preparazione
Tempo di cottura
Tempo totale
 
Frusta elettrica + gelatiera
Autore:
Recipe type: Dessert
Cuisine: Dosi per 4 pers.
Ingredienti
  • 500g ricotta
  • 2,5 dl di latte fresco
  • 4 tuorli
  • 150g di zucchero
  • 1 baccello di vaniglia
  • ½ non trattato
  • 300g di futti di bosco
  • 1 cucchiaio di zucchero di canna
Istruzioni
  1. Passa la ricotta attraverso un setaccio o un colino a maglie fitte direttamente in una ciotola. Incidi il baccello di vaniglia, nel senso della lunghezza, preleva i semini e aggiungilli alla ricotta. Unisci anche la scorza di limone grattugiata. Monta a lungo i tuorli con lo zucchero, aiutandoti Con la frusta elettrica. Aggiungi la crema ottenuta alla ricotta
  2. Unisci anche il latte ben freddo e mescola bene, in modo da ottenere un composto perfettamente omogeneo. Versa il composto nella gelatiera e prepara il gelato secondo le indicazioni dell’apparecchio. Se non possiedi la gelatiera, versa il composto in un contenitore ermetico e mettilo in freezer per almeno 3 ore. Ogni ora estrai il contenitore, monta il composto con una frusta o passalo velocemente al mixer e rimettilo in freezer a raffreddare.
  3. Lava e asciuga i frutti di bosco.Disponili in una padella antiaderente con lo zucchero di canna e il succo del limone. Cuoci a fiamma vivace per 2 minuti con il coperchio e per 3-4 minuti senza. Fai raffreddare. Distribuisci il gelato di ricotta in bicchieri o ciotoline e completa i frutti di bosco e il loro sciroppo di cottura.
  4. Servi
Note
Attenzione…Se non possiedi la gelatiera, versa il composto in un contenitore ermetico e mettilo in freezer per almeno 3 ore. Ogni ora estrai il contenitore, monta il composto con una frusta o passalo velocemente al mixer e rimettilo in freezer a raffreddare.

 

https://ciaodolce.files.wordpress.com/2015/08/img_3758-0.jpg?resize=677%2C657

Buon Appetito!

 

Posted by:Benedetta B.

Rispondi